Bless Cosmetics Shop Torna al Negozio

Come creare una base trucco perfetta

Pubblicato il: aprile 10, 2019 at 12:04 pm

Il trucco perfetto comincia e finisce con la base perfetta: senza di essa, non importa quanto belli e tecnicamente ben eseguiti siano occhi e labbra, qualcosa apparirà inevitabilmente poco curato, rovinando l’intero insieme.
Tuttavia, una base perfetta (e soprattutto dalla lunga durata) non inizia certo dal fondotinta. La skincare, la crema e il primer sono passaggi fondamentali nella nostra makeup routine, che andrebbero seguiti religiosamente e con un’attenzione particolare ai prodotti destinati a prendersi cura del viso: è importante che tutti i prodotti che vengono a contatto con la cute siano di qualità, adatti al nostro tipo di pelle e alle sue esigenze.
Non è sempre facile trovare il fondotinta perfetto, così come potremmo dover provare un paio di prodotti prima di trovare il siero o il primer perfetto per noi; è importante dunque considerare un piccolo investimento in prodotti per la base e per lo skincare, assicurandoci che siano i nostri migliori alleati giorno dopo giorno.

 

Skincare

 

Lo skincare è una parte importantissima della routine quotidiana, ed è la chiave per un makeup che esalti davvero al meglio il nostro viso. Ci sono poche, ma fondamentali, regole da seguire per avere una pelle sempre luminosa ed idratata, pronta al makeup: detergere, esfoliare (ma non troppo spesso) e nutrire. Sicuramente queste regole ci possono aiutare, tuttavia è importante essere costanti nel prenderci cura del nostro viso, proteggendolo, nutrendolo e coccolando la pelle con prodotti purificanti adatti alle esigenze del momento, così da non trovarci mai ad affrontare situazioni di “SOS” in cui la pelle risulta davvero molto stressata, rovinata e spenta.
Usare un siero (magari unito alla nostra crema da giorno o da notte) e un tonico per ripulire e nutrire il volto con costanza, giorno dopo giorno, può essere un ottimo punto di partenza per permettere al nostro makeup di dare il meglio.
Anche solo una volta alla settimana, è ideale prendersi un attimo per uno scrub per ripulire e donare luminosità alla pelle liberandola dalle impurità e dall’inquinamento.

 

Crema Idratante

 

Prima di applicare il primer o il fondotinta, è necessario stendere un velo di crema idratante sul viso, massaggiando delicatamente e aspettando un minuto perché la formula venga correttamente assorbita. Infatti il volto va sempre pulito a fondo prima di procedere al makeup, con acqua ed un prodotto che permetta di purificare e pulire (ad esempio il sapone di Aleppo, extra delicato per pelli sensibili) e va ristabilito il giusto equilibrio a livello dell’epidermide idratandola con creme o oli, come quello di cocco o mandorla.
Esistono davvero moltissimi tipi di crema idratante, da quelle più leggere alle formule in gel per le pelli più oleose, fino alle creme ricche per pelli secche, senza dimenticare le formule illuminanti, perfette per creare una base radiosa per il makeup.
La crema idratante servirà da agente nutritivo per il nostro viso, stressato dal sole, dal trucco e dagli agenti atmosferici, permettendo non solo di avere una cute sana ma migliorando anche l’apparenza del makeup, che sarà visibilmente più leggero, naturale e radioso.

 

Primer

 

Esistono primer per tutti i gusti e per tutte le esigenze, ed è importante non sottovalutarne l’importanza perchè, quando si tratta di base perfetta e dalla lunga durata, questo prodotto può rivelarsi in grado di migliorare esponenzialmente la nostra base.
Il primer non serve solo a migliorare la grana della pelle e a farla apparire uniforme, ma permette anche al fondotinta di “aderire” meglio e più a fondo, proteggendo la cute e aumentando la durata della performance del fondotinta. Solitamente a base siliconica, è però importante non abusare di questo prodotto per non rischiare di ostruire i pori o di non far respirare a sufficienza il viso.
Come accennato, in commercio sono disponibili davvero moltissime versioni di Primer: possono essere idratanti o opacizzanti (perfetti in caso di pelle grassa), illuminanti, in grado di correggere rossori o colorito spento oppure riempitivi, per contrastare rughette e linee d’espressione in cui il fondotinta può andare a depositarsi.

 

Fondotinta

 

Ne abbiamo già parlato: trovare il giusto tono e sottotono di fondotinta è un processo lungo che va ottimizzato solo con l’esperienza, e il finish va scelto in base alle necessità della nostra pelle. Per una pelle più oleosa servirà un fondotinta più opaco, ma che non appesantisca, mentre le formule più liquide e glow sono perfette per chi ha la pelle arida.
Il colore va sempre provato alla luce naturale e, se in dubbio, preferite una tonalità più chiara rispetto alla vostra —un colore più scuro, infatti, metterà in risalto le imperfezioni e creerà un brutto stacco sul collo impossibile da correggere con la cipria (cosa che invece è possibile nel caso di un fondotinta più chiaro, scegliendo una terra leggermente più scura).
Scegliere il giusto fondotinta e non utilizzarne troppo è l’ultimo e fondamentale passo per ottenere una base naturale, per ottenere una pelle che mantiene la propria texture e tutte le proprie caratteristiche ma nascondendo imperfezioni e discromie; per questo, con l’avvicinarsi della primavera, è meglio affidarsi a prodotti più leggeri, anche se un pochino meno coprenti, come BB e CC cream.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *